Dal Tabaccaio del Mare Il profumo del mare arriva in Valtiberina

Il negozio on-line al tuo servizio

Dal Tabaccaio del Mare Il profumo del mare arriva in Valtiberina

Di Simona Santi

Dal Tabaccaio di Mare è la storia di un’amicizia vera e di una passione per le tradizioni e la cultura della propria terra che ad un certo punto hanno trovato un terreno d’incontro comune: la Valtiberina. Due i protagonisti, Yuri Caranna, ristoratore per professione, e Massimo Bevignani, che invece questa professione l’ha scelta per passione.

Yuri viene dalla Riviera Romagnola. Della Riviera porta il sorriso generoso e il sole in faccia, quel sole che confonde l’azzurro del cielo e del mare, quel mare per cui Yuri nutre un amore incondizionato che non a tutti è dato però di capire.

Massimo invece viene dalla vicina Anghiari. Della terra umbro-toscana porta i colori aranciati dell’autunno e quell’odore di muschio e di sottobosco che proprio in questa stagione regala i suoi frutti migliori.

Cosa potevano fare insieme questi due, amici da trent’anni e più? Un ristorante dove si ‘sente’ l’odore del mare in maniera così forte e prepotente che quasi ti dimentichi di essere in Valtiberina perché ti sembra di respirare invece a pieni polmoni quell’aria che solo quando sei davanti a quella distesa azzurra ti mette in pace col mondo.

“Erano anni che accarezzavamo l’idea di fare qualcosa insieme nel settore della ristorazione:

quello che volevamo era portare qua in Valtiberina la Romagna con i suoi piatti, la sua tradizione, la sua cultura in cucina per quanto concerne la preparazione del pesce. Oggi finalmente, grazie anche all’aiuto importante di Francesca, la mia compagna, ci siamo riusciti e nonostante le innegabili difficoltà del momento che stiamo vivendo, il Tabaccaio del Mare è il locale che avevamo in mente e che ora finalmente è realtà” mi dicono Yuri e Massimo specificando, alla mia domanda incuriosita, che “il nome del locale è la dimostrazione evidente di come si possano comunque fondere, in un rapporto osmotico, due culture di ametralmente diverse, quella di chi proviene da una zona di mare e da essa porta colori, sapori e profumi, e quella di chi proviene da una zona di terra distante da esso, ma dove comunque esiste una tradizione gastronomica forte e importante cui non volevamo rinunciare e che abbiamo cercato di far coesistere con la prima”.

Yuri a Riccione gestisce tre locali: due bar lungo la spiaggia, “Incontro” e “Free Time”, e un bar-ristorante estivo che si affaccia sempre sulla spiaggia, “Il Maestrale”.

Da quest’ultimo si è portato dietro una collaboratrice fidata, Maria Altomare Scapicchio che qua in Valtiberina (come a Riccione) lo affianca in cucina, mentre Massimo e Francesca si occupano invece della sala. “Lavoriamo pesce fresco di prima qualità che giornalmente andiamo a prendere a Riccione e che proviene solo dal Mar Adriatico e ogni due settimane cambiamo i menù, nonostante ci sono piatti tipici romagnoli che costituiscono dei punti saldi e che rimangono fissi come l’Antipasto del Tabaccaio la Grigliata o la Frittura mista. Tra i piatti più ‘importanti’, il Pacchero del Tabaccaio ripieno di crostacei su vellutata di zucchine e scaglie di tartufo bianco, il Gamberone Imperiale in pasta kataifi (una pasta a base di acqua e farina tipica della cucina greca e medio-o-rientale) e misticanza con riduzione di glassa di aceto balsamico o il Turbante di spigola con mazzancolla reale verdurine.

Come puoi vedere da menù – mi dicono mostrandomi la carta completa  sono diversi i piatti di mare in cui abbiamo messo ‘dettagli’, ingredienti o sapori di ‘terra’, dal tartufo ai funghi, dalle verdure alle frutta delle nostre terre proprio perchè volevamo rafforzare il legame tra le due culture.

In questo periodo e per tutto il periodo delle festività garantiremo non solo il menù da asporto (nel comune di Anghiari) ma anche le consegne a domicilio nei comuni limitrofi”.

Indietro